Home‎ > ‎recensioni‎ > ‎

IL PICCOLO PRINCIPE, Antoine De Saint Exupéry.

pubblicato 23 dic 2015, 02:21 da Elvio Ceci   [ aggiornato in data 23 dic 2015, 02:39 ]

Lettere composte, lettere colorate, lettere mischiate e combinate in parole. Copertine appariscenti fanno da quadro e cornice; serie di colori eleganti o tristi. Storie horror, storie fantastiche, storie di vita, storie di storia. Circondato eternamente da passioni, piccole passione di signori che hanno perso il loro tempo dietro a un messaggio; dietro alla creazione di un vestito retorico, per giustificare la loro vita o per giustificare proprio la vita. Sono entrato in biblioteca.

Questo romanzetto o racconto lungo è la storia di un pilota di aereo che, perdendo il controllo del veicolo forse per un’avaria del motore, precipita in mezzo al deserto del Sahara. Qui, pieno di fame e di sete, incontra un bimbo dai capelli color oro molto strano: gli inizia a raccontare la sua storia; come è fatto il pianeta da cui lui viene e gli altri pianeti in cui si è trovato a viaggiare prima di arrivare sulla Terra. Nei sui viaggi in pianeti limitrofi ha trovato molti dei difetti umani (amore per il potere, per il denaro, per l’alcool…); aumentati nel fatto che erano contraddizioni circolari. Vizi logici, per un bambino come lui. Il messaggio principale, comunque, è dare significato ai dettagli delle azioni e delle esperienze; perché sono quelle che si moltiplicheranno nella vita.

Lo stile è molto infantile: è un libro per bimbi e per ragazzi. È un libro “multimediale”: spesso fa riferimento ai disegni che il narratore ha creato mentre viveva nel racconto. Carino.

Comments