Home‎ > ‎poesia‎ > ‎

Piazza Italia

pubblicato 20 ott 2014, 09:26 da Elvio Ceci

Si diverte con la geometria, il nostro

amico Sole. Lungo i mattonati

romani o all’interno di un chiostro,

declina ombre in luoghi abbandonati.

 

Un usignolo piccolo piccolo si posa sul rostro

di una balconata, immobile.  Al lato, sistemati,

tavoli e sedie vuoti sembrano disegnati

da De Chirico con matita o inchiostro.

 

L’Italia è il paese dell’astrazione

e della metafisica, dove dinoccolano

le persone con eterna distrazione:

 

dioscuri senza volto che parlano

poco e in luoghi vacui, con un’azione

passiva e, come punchball, ondeggiano.


Comments