Home‎ > ‎ComiCronache‎ > ‎

Sentiment del Tempo n.36 – Epifanie sciamaniche sulla Brexit

pubblicato 25 giu 2016, 00:42 da Elvio Ceci

 

Io so-

-no ottimista per l’Inghilterra.

E vedo uno scenario possibile:

per evitare che accada una guerra

tra il povero agricoltore irascibile

e lo stilista londinese che sterra

l’incasso futuro meno aggredibile;

proponiamo la nostra visione

per indirizzare questa confusione.

 

Io so-

-stengo che per uscire dalla situazione

europea, l’isolotto contadino

dovrà sostenere due anni di recessione

colpendo la previdenza di ogni cretino

vecchietto che vedrà la pensione

decurtata per più di uno scellino.

Conseguenza dell’essere ignoranti

è che ragionano come dei santi.

 

E allegrotti, giulivi e festanti

i politici hanno condannato

la sterlina a delle crisi esorbitanti.

Cameron da statista “come Pilato,

mi dimetto” disse consaponanti

mani. Nello scenario immaginato

li vedo i migranti sui barconi

che passano la Manica non da coloni.

 

Io so-

-spetto già migliaia di coglioni

esultanti per aver trovato un modello

da imitare. Prima Tsipras con gli Ioni;

poi i grillini col loro noioso saputello;

poi pure il sud che vota i verdoni

vichinghi, che della destra son zimbello.

Me li immagino osannare una pazzia

che li porta dei mercati in balia.

 

Io so-

-rrido a tutta questa gran bugia.

È un’uscita puramente illusoria,

che ha donato all’Isola un’epifania

d’indipendenza con l’inglese boria.

Torneranno con in mano una dalia

e con un scusa purificatoria.

Prima che tutti chiamino la neuro,

rientreranno e si beccheranno l’euro.

Comments